cucinare-pasta

Cucinare un pasta ad hoc

Cucinare la pasta può sembrare un’operazione semplice, un gioco da ragazzi perchè essa è uno degli elementi portanti della nostra cultura, un simbolo del nostro essere, eppure non è così.

Cuocere perfettamente la pasta richiede che vengano seguite e rispettate determinate procedure per ottenere un risultato perfetto che stupirà tutti.
Ecco nel dettaglio tutti i passaggi da seguire.

L’acqua

Quando si cucina la pasta non si presta molta attenzione alla quantità di acqua da mettere nella pentola perchè è un’operazione che si fa in maniera automatica.Succede così che o se ne versa troppo poca ottenendo come risultato che la pasta diventi collosa oppure si eccede creando l’effetto di schiuma che fuoriesce dalla pentola.
La proporzione giusta è quella di versare 1 litro di acqua ogni 100gr di pasta.

La pentola

La giusta pentola per quasi tutti i formati di pasta è quella cilindrica con i bordi alti. In questo modo la pasta ha spazio a sufficienza per cuocersi senza incollarsi. Un discorso a parte merita la pasta dalla forma corta o la pasta fresca come le tagliatelle, perchè questi due tipi vogliono un recipiente basso e largo.

Il sale

Se non sapete rinunciare al gusto del sale nella vostra dieta sappiate che anche la sua aggiunta durante la cottura della pasta va fatta in un certo tempo. Il pizzico di sale va aggiunto nell’acqua dopo che questa ha iniziato a bollire, poi si aspetta che l’acqua salata riprenda il bollore e solo allora si butta la pasta.

Buttare la pasta

Altro accorgimento da tenere a mente è il modo in cui va buttata la pasta nella pentola. Non bisogna versarla in più momenti, ma in una sola volta dopo che l’acqua ha raggiunto il bollore. Un discorso diverso va fatto per gli spaghetti o altra pasta simile, pesata la dose desiderata essi vanno stretti nella mano, immersi in acqua e lasciati subito in modo che si aprano a ventaglio, poi con l’aiuto di un forchettone vanno piegati gentilmente su un fianco e immersi totalmente.

Attenzione a non farla attaccare

Tipi di pasta lunga a volte rischiano di attaccarsi fra loro e spezzarsi, per evitare questo problema basta aggiungere nell’acqua di cottura un poco d’olio. Questo passaggi è anche utile se si intende cucinare le lasagne che vanno scottate in acqua bollente.

Il tempo

Ogni tipo di pasta e ogni marca ha il suo tempo di cottura, il consiglio migliore è quello di seguire le indicazioni segnate sulla confezione. Da sapere se optate per cucinare una pasta per la quale è stato utilizzato un tipo di grano particolare con una qualità superiore i tempi si allungano. Invece se preferite la pasta fresca fatta in casa i tempi di cottura sono molto ridotti, la cottura giusta è quando la pasta viene a galla. Da ricordare che anche nella pasta fresca lo spessore della sfoglia incide.

In conclusione

Per evitare che si incolli o si ottenga una pasta scotta bisogna girarla e magari provarla per controllare la cottura, così saprete regolarvi anche se c’è bisogno di aggiungere altro sale.
Se la ricetta scelta prevede che la cottura della pasta sia ultimata in padella con gli altri ingredienti  come ad esempio ricette di pasta con panna bisogna scolare la pasta al dente, attenti a non toglierla prima.