Come cambia il mercato dell’automotive

Quello che stiamo vivendo è un periodo davvero difficile per le aziende del settore auto.

Le compagnie che producono automobili, si trovano ad affrontare la più grande crisi della storia dell’auto, con consumi azzerati, domanda mai così bassa e crolli che arrivano fino all’80 e al 90%.

Si tratta di una crisi senza precedenti dalla quale, alcuni dei grandi nomi, potrebbero non riprendersi più.

Incentivi o meno, il crollo è enorme e corrisponde a una depressione economica generale che spingerà sempre meno persone ad acquistare nuove auto, soprattutto di fronte ai prezzi in ascesa per il settore caratterizzato da ibride e elettriche.

Le auto smart diventano così un lusso, sul quale saranno in pochi a investire e che potrebbe abbattere anche i colossi del settore che devono fare i conti con la crisi dovuta al coronavirus, e con i nuovi attori del mondo auto, le compagnie cinesi che sbarcano proprio quest’anno anche in Europa.

In questo contesto, nel bel mezzo del passaggio da benzina e diesel ad elettrico, il settore cambia in modo radicale, ma non muore.

Se i brand che conosciamo sono in crisi infatti, non lo sono le attività online, che potrebbero addirittura crescere di fronte alla situazione che stiamo vivendo.

Auto usate e ricambi online: le nuove tendenze dell’automotive

La perdite della concessionarie e dei grandi brand, vede parallelamente una crescita del mercato online e delle realtà più piccole.

Oggi le auto si acquistano usate, approfittando di prezzi eccellenti e di un mercato florido, pronto a migliorare ed espandersi proprio nel bel mezzo della crisi.

Sono sempre di più gli italiani che acquistano i propri mezzi, che diventeranno sempre più necessari, anche per evitare il rischio di contagio sui mezzi pubblici, dai rivenditori di auto usate online.

L’online fa da padrone, proprio in un momento dove si cercano prezzi convenienti e prodotti validi, con fasce di prezzo ben differenti da quelle del mercato ufficiale.

L’usato online, conquista quindi un posto d’onore, portando parallelamente alla crescita di un altro dei mercati emergenti, quello dei ricambi online.

Se un tempo per acquistare dei distanziali per ruote, ti recavi al concessionario e ordinavi un prodotto brandizzato, spesso dal prezzo superiore a un ricambio equivalente, oggi l’acquisto avviene online.

I ricambi permettono di valorizzare i propri mezzi, allungandone la vita e scegliendo magari il meccanico di fiducia per far realizzare il lavoro.

L’acquisto di pezzi di ricambio online, sta cambiando il modo in cui viviamo i nostri mezzi, rendendo la riparazione sempre più vantaggiosa e aiutando anche l’ambiente, con prodotti che durano di più e utenti che puntano a utilizzare i propri mezzi fino a che restano prestanti, senza rottamarli al primo problema.

Le strategie che hanno portato avanti il settore negli ultimi anni, sembrano non funzionare più, anche a causa di una clientela più attenta e informata, con una maggiore sensibilità verso l’ambiente, e l’immancabile voglia di risparmiare quando possibile.

Come cambierà il mondo auto nei prossimi mesi?

Investimenti massicci, incentivi e una ripresa dell’economia, daranno un po’ di respiro al mondo auto classico, spingendo così i nuovi mezzi e l’avanzata delle auto elettriche.

Per gli analisti, il mondo auto si riprenderà e molte delle aziende che conosciamo resteranno in piedi.

In ogni caso però, il cambiamento che va verso l’usato e una maggiore cura del proprio mezzo grazie ai ricambi, sembra una tendenza ormai a livello mondiale che cambierà il nostro rapporto con auto, moto e altri mezzi.

Un’auto, può accompagnarci per anni e anni, senza la necessità di cambiarla al primo problema, magari per costi eccessivi di riparazione e pezzi di ricambio.

Questa svolta che guarda all’economia e all’ecologia, assieme al mercato dell’usato, sembra destinata a restare e a caratterizzare l’automotive di domani.