6023c7214e3e379c78ac6bb5bf6213111f2d3a30_arresto-cardiac

Il defibrillatore nelle palestre è obbligatorio?

La salute è importante e per prevenire mali ed avere una buona forma fisica non basta andare in palestra ed allenarsi, serve informarsi circa le attrezzature qui presenti, in particolare modo della presenza del defibrillatore, che è in grado di fare la differenza in caso di malessere e problemi. Ciò che è bene sapere è che esso è obbligatorio per tutti quegli ambienti aperti al pubblico dove si pratica una qualsiasi sportiva non agonistica o amatoriale. Non ci sono quindi distinzioni circa lo sport, il Decreto Balduzzi, che si è applicato a partire dal 01/07/2017 vale per tutte le realtà sportive dilettantistiche, siano esse associazioni o società. In definitiva, per star sicuri bisogna scegliere una palestra protetta dal punto di vista cardiaco, nonché una palestra dove vi lavorano persone che hanno seguito un corso BLDS per imparare ad usare un defibrillatore semiautomatico DAE e che siano in grado di fare anche una rianimazione cardiopolmonare.

Per assolvere all’obbligo occorre quindi dotarsi di un defibrillatore semiautomatico DAE per gli spazi di allenamento e di spoter contare su una persona specializzata nel suo utilizzo durante le gare delle Federazioni sportive nazionali o di società dilettantistiche, oltre che al momento dello svolgimento di attività sportive competitive. In questi casi dunque spetta alle singole associazioni controllare che l’impianto sportivo ospitante sia dotato del defibrillatore semiautomatico DAE, che esso sia tenuto bene e che sia funzionante.

Le caratteristiche di defibrillatore semiautomatico DAE

Un defibrillatore semiautomatico DAE è un dispositivo portatile, pratico e leggero che si alimenta a batteria. Esso è fondamentale perché in caso di bisogno consente di dare una scarica elettrica al cuore in arresto cardiaco. Tale scarica è resa possibile grazie a due elettrodi che vanno messi sul petto della persona in difficoltà cardiaca, attraverso di essi quindi la scarica elettrica passa dal dispositivo al cuore. Da qui si evince l’importanza di uno strumento del genere in una palestra, importanza che va oltre l’obbligatorietà. Se ci si pensa bene, posti come le palestre sono appunto i luoghi migliori, più adatti, per il cuore ed è giusto che laddove è previsto un allenamento cardiaco vi siano gli strumenti necessari per intervenire tempestivamente. Per avere un’ idea dei costi dei defibrillatori e relativi accessori possiamo dire che si aggirano intorno alle 1.000 euro che sì, di primo impatto, possono sembrare tanti, ma considerato ciò che sono in grado di fare non è una cifra così elevata. Ricordiamoci poi che la salute di tutti noi non ha prezzo.

Sottolineiamo ancora una volta che avere un defibrillatore in un contesto sportivo non dilettantistico non deve essere visto come un dovuto adeguamento delle legge e che può salvare davvero la vita perché essere in forma non allontana dal rischio di arresto cardiaco, il quale se vuole colpire…colpisce, al di là dell’età e del grado di allenamento o preparazione atletico. Inoltre, quel che forse non si sa è che molto spesso i problemi cardiaci sono latenti, non si sa di soffrirne fintanto che non si verifica un qualche malessere.

Ti potrebbe interessare anche